Sopra:

Coronavirus: perché gli anziani sono più a rischio?

person Pubblicato da: Valeria Iavarone list In: News

In questi giorni in Italia la paura per il Coronavirus cresce in modo esponenziale, così come il numero dei casi di giorno in giorno. Al tg medici e virologi hanno spiegato più volte che il Coronavirus, o meglio Covid-19 ha un tasso di mortalità del 2-3%, facendo riferimento alle statistiche che provengono dalla Cina. L’epidemia ad oggi conta più di 300 persone contagiate, moltissime delle quali guarisce grazie ad un trattamento con farmaci per l’influenza, altre invece hanno bisogno di ricovero per contrastare i problemi respiratori che il virus provoca. I soggetti a maggior rischio sono i pazienti con problemi cardiaci, diabetici, chi soffre di malattie croniche respiratorie, i malati oncologici ed in fine gli anziani.Ad oggi le 11 vittime italiane hanno un’età compresa tra i 70 a i 91 anni. Ma perché proprio gli anziani sono più a rischio coronavirus? Quali sono le cause? 

Covid-19 e anziani 

Dai pochissimi studi effettuati sul Covid-19 è che può essere molto più pericoloso nelle persone anziane. Con l’aumentare dei contagi e dei casi gravi, si è riscontrato un tasso di mortalità prettamente tra i soggetti over 70 ed i pazienti già ricoverati in ospedale con pregresse patologie croniche

Come spiegato da Raffaele Antonelli Incalzi, il presidente della Società Italiana di Gerontologia e Geriatria, il coronavirus è più pericoloso per gli anziani perché i soggetti in questa fascia di età hanno maggiori probabilità di sviluppare infezioni gravi rispetto a soggetti più giovani. Mentre l’organismo di un 30enne reagisce subito all’infezione, quello dell’anziano impiega più tempo e spesso non riesce a debellare il virus, che andrà a generare una serie d’infezioni gravi, talvolta mortali. 

Tant’è vero che ogni anno gli anziani sono sottoposti gratuitamente al vaccino influenzale, proprio perché più soggetti ad essere colpiti.

Purtroppo ad oggi il vaccino per Covid-19 ancora non esiste, l’unico modo per proteggere chi ha un sistema immunitario più debole è adottare tutta una serie di misure preventive che aiutano ad “isolare” il paziente senile ed evitare che entri in contatto con persone infette. 

Cosa fare per proteggere gli anziani dal Coronavirus

soggetti in età senile sono più a rischio Coronavirus non solo per il sistema immunitario invecchiato, ma anche per le patologie croniche pregresse che di solito colpiscono gli anziani come diabete, problemi cardiaci, ipertensione e bronchite. Inoltre spesso questi soggetti sono mal nutriti, quindi più a rischio infezioni. 

L’unico modo per proteggerli dal Covid-19 è agire in modo preventivo. La prima regola precauzionale è evitare di prendere freddo, mangiare in modo sano e accertarsi di assumere tutti i macro e micro elementi fondamentali per l’organismo. 

Sarebbe meglio per gli anziani restare a casa, al caldo, evitando contatti con l’esterno. I luoghi affollati sono altamente sconsigliati, come i supermercati, le chiese o i circoli ludici. Quando si rientra a casa è bene lavare accuratamente le mani con sapone e acqua preferibilmente calda. Si può optare per richiedere la spesa a domicilio, molte catene di supermercati e alcuni comuni focolai stanno mettendo a disposizione dei cittadini questa possibilità.

Assolutamente non vanno sospesi i farmaci che si assumono regolarmente. La regola generale di tossire o starnutire in un fazzoletto è sempre valida. I fazzoletti vanno sempre buttati in un cestino chiuso dopo l’utilizzo. Non vanno appallottolati e messi in tasca. Le mani non vanno utilizzate per coprire la bocca in caso di tosse a meno che non si abbi la possibilità di lavarle o igienizzarle subito.

I sintomi del Covid-19 e quando chiamare il medico 

sintomi del Covid-19 negli anziani sono gli stessi dell’influenza: naso che cola, tosse, raffreddore, mal di tesa, febbre, dolori muscolari e dolore toracico con difficoltà respiratorie. In caso si manifestassero uno o più sintomi è bene non allarmarsi, poiché potrebbero corrispondere ad altre patologie. 

È bene chiedere un parere al medico di base o chiamare il numero verde attivo per richiedere una visita domiciliare. 

È assolutamente sconsigliato accompagnare l’anziano al pronto soccorso dell’ospedale più vicino, poiché il soggetto potrebbe essere affetto da semplice influenza stagionale, ma al pronto soccorso contrarre il coronavirus o altre patologie pericolose. 

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre