Sopra:

Anziani e caldo: come proteggerli dalle alte temperature

person Pubblicato da: Valeria Iavarone list In: News

L’estate è arrivata, le alte temperature si fanno sentire e cominciano i primi malori. Gli anziani sono tra i soggetti più sensibili, assieme ai bambini, alle giornate afose e al caldo torrido. Questo cambiamento drastico del clima porta le persone di una certa età a subire una situazione poco piacevole, in particolare in quei soggetti che hanno difficoltà a muoversi, soffrono di malattie cardiovascolari, diabete, insufficienza renale o Parkinson.

Riconoscere i sintomi

Chi si occupa di un anziano, familiare o meno che sia, è importante che sappia riconoscere i sintomi e i problemi legati alle alte temperature. Il primo organo che soffre in queste situazioni è il cervello. Quando la temperatura aumenta, il soggetto mostra una confusione mentale e agitazione. Inoltre i soggetti anziani mostreranno sonnolenzasvogliatezza e un senso di fatica maggiore rispetto al solito.

Nei casi gravi invece si può verificare il colpo di calore. Tale situazione può portare la temperatura corporea a superare i 40°C accompagnata da una sensazione di malessere generale, mal di testa, nausea, vomito e vertigini.

Prevenire è meglio che curare

Purtroppo può capitare in una giornata di caldo estremo che il soggetto anziano sia affetto dal colpo di calore. In tal caso è bene far riposare la persona in un luogo fresco, abbassare la temperatura corporea utilizzando dei panni imbevuti di acqua fresca e somministrare molti liquidi. Se la situazione peggiorasse, è bene chiedere con urgenza un parere al medico curante oppure rivolgersi alla guardia medica, in particolare se la temperatura non vuole saperne di scendere e il vomito non si fermasse.

Ma le giornate calde si possono combattere con una serie di regole o accorgimenti da mettere in atto per proteggere gli anziani dal caldo:

  • Abbigliamento: durante l’estate è bene preferire tessuti leggeri, come lino o cotone e abiti larghi, non aderenti;
  • Ambiente: le finestre vanno aperte solo al mattino presto o la sera per far arieggiare gli ambienti, durante le ore più calde è bene mantenerle chiuse e schermare l’ambiente dai raggi solari con tende o persiane. In questo lasso di tempo l’aria condizionata programmata un paio di gradi in meno rispetto la temperatura esterna è il miglior modo di affrontare il caldo. Generalmente la temperatura non va mai sintonizzata sotto i 24 gradi;
  • Passeggiate: uscire durante le ore più calde della giornata è sconsigliato, meglio approfittare delle prime ore del mattino e la sera. Durante le passeggiate è bene proteggersi con un capello e occhiali da sole, inoltre non dimenticare di portare con te sempre una bottiglina d’acqua;
  • Pasti: i cibi leggeri sono i migliori per combattere il caldo. Meglio fare più spuntini durante il giorno, che concentrare tutto solo a pranzo e a cena. La frutta e la verdura non devono mai mancare in tavola;
  • Idratazione: bere molto è la soluzione per fronteggiare l’afa. Oltre l’acqua, per i soggetti non diabetici, sono consigliati succhi di frutta, spremute, the freddo e frullati. Da evitare tassativamente gli alcolici.

Attività da svolgere in casa durante le ore più calde

Durante le ore più calde della giornata, dalle 11 circa alle 18 è bene organizzarsi in casa con un programma di attività, così da non annoiarsi e passare tutto il tempo a guardare la tv. Si può giocare a carte, dedicarsi agli hobby di sempre, ma anche organizzare dei pomeriggi di “gioco” riunendo più anziani insieme. In questo modo si è a contatto con più persone e non si permette al soggetto anziano di isolarsi, così da poter far fronte ad eventuali evenienze. Infatti molti sono gli anziani che durante l’estate, essendo soli in casa, sono a rischio di malessere e impossibilitati a chiamare aiuto. Nel pomeriggio gli spuntini possono essere a base di gelato o macedonie fresche.

Anziani non autosufficienti: come comportarsi?

Per gli anziani non autosufficienti il discorso è diverso. Poiché spesso questi soggetti non sono coscienti hanno bisogno di un trattamento diverso per fronteggiare il caldo. Come prima cosa è importante monitorare spesso la loro condizioni durante la giornata, così da scongiurare un innalzamento della temperatura improvviso e le conseguenti reazioni. Qualora non ci fosse la possibilità di essere seguiti da un familiare è bene fare riferimento ad amici, vicini o personale adeguato che sappia come comportarsi in caso di colpo di calore.

Commenti

Nessun commento in questo momento!

Lascia il tuo commento

Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Può Giugno luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre